Rubriche

Pronuncia inglese: come migliorare il proprio accento

pronuncia_corretta_accento_inglese

Quando si parla di pronuncia inglese ci sarebbe sempre da fare qualche precisazione perché la lingua inglese non è una soltanto e ci sono molti tipi di pronuncia inglese, appartenenti a paesi, comunità o gruppi diversi tra loro per provenienza e cultura. La prima domanda che, dunque, dovremmo farci è: quale pronuncia inglese voglio imparare o migliorare? Generalmente si tende a considerare la versione British quella standard e più pura ma questa non è una verità assoluta.

Certo, il British English è quello che viene insegnato a scuola e all’università ma non è l’unica versione della lingua inglese utilizzata al mondo per cui escludere di avvicinarsi, ad esempio, all’American English solo per una questione di “tendenza” non credo sia una scelta saggia. Imparare una lingua straniera significa anche e soprattutto apprezzarne cultura e tradizioni ed essere affascinati dalla lingua anche per quello che rappresenta.

Per cui non c’è motivo di scartare a priori la pronuncia americana se l’America e la cultura americana vi attirano e pensate di andare fare un’esperienza di studio o magari lavoro negli Usa. La scelta di quale pronuncia imparare è solo vostra e dipende da ciò che vi aspettate da quest’avventura linguistica. Se lo scopo è non solo imparare la lingua inglese ma entrare nel vivo di un paese e della sua storia, prima di buttarvi a studiare quello che studiano tutti, meglio valutare bene cosa desiderate per voi stessi.

Fatta questa importante premessa, che sia il British English o l’American English, ascoltare musica e guardare film in lingua è sicuramente un ottimo escamotage per apprendere divertendosi. Per quanto riguarda le canzoni, ascoltatele sempre con lyrics alla mano in modo da poter confrontare suoni e testo mentre, soprattutto all’inizio, vi consiglio di guardare i film con i sottotitoli… in inglese eh!

In questo modo lavorerete sulla pronuncia e al tempo stesso sul vocabolario per apprendere nuove parole e fare in modo che la pronuncia inglese si fissi in modo efficace nella vostra testa, essendo associata visivamente al testo sullo schermo. I film, comunque, non sono l’unico metodo adottabile e per chi inizia non sempre sono quello più produttivo perché seguire un film è difficile. Un altro sistema molto comune e molto utilizzato è il cosiddetto “metodo del pappagallo” che consiste semplicemente nell’ascoltare podcast, musica, film, libri audio etc e ripetere come un pappagallo cercando di avvicinarsi il più possibile all’accento inglese.

Ci vorrà del tempo, soprattutto se siete alle prime armi, e non andate in crisi se i risultati non sono immediati. Con la pratica farlo diventerà naturale e pronuncerete le parole con il corretto accento inglese senza neanche pensarci. Il metodo pappagallo funziona ancora meglio se vi trovate nel Paese straniero, tuttavia, ritengo che funzioni più che adeguatamente anche senza andare sul posto. Sono in tanti ad averlo provato e sostengono di aver fatto molti progressi.

Lo stesso John Peter Sloan, scrittore, comico e attore inglese, nelle sue lezioni insiste molto con questo metodo e, in particolare dalle prime lezioni, continua a ripetere che è importante prestare bene attenzione ai suoni e cercare di riprodurli tali e quali ma senza essere bloccati dal perfezionismo o forzare la pronuncia all’inglese perché la pronuncia perfetta viene solo con il tempo.

Questo è John Peter Sloan in “Pronuncia inglese per gli italiani“. Buona visione!

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *