Particolarità del francese parlato in Canada, Belgio e Svizzera

Particolarità_francese_Canada_Belgio_Svizzera

Non esiste un unico inglese e ormai la differenza tra British English e American English ci è fin troppo chiara. Ma l’inglese non è la sola lingua che presenza delle varianti diverse parlate in tutto il mondo. Nella lingua francese, la quinta più parlata nel mondo per numero di parlanti e la seconda più insegnata come lingua straniera dopo l’inglese, accade la stessa cosa. Anche perché inglese e francese hanno qualcosa in comune.

Nonostante le loro differenze, sono le uniche lingue diffuse in tutti e cinque i continenti. Da qui appare chiaro che, diversamente da quel che si pensa, il francese non è parlato soltanto in Francia ma anche nelle sue ex colonie, dei possedimenti francesi, dei territori che furono conquistati e “francesizzati” dal punto di vista culturale e, soprattutto, linguistico. Tra questi paesi, oggi definiti francofoni, ce ne sono alcuni come il Canada, il Belgio, la Svizzera dove il francese è lingua madre e ufficiale.

In altri come il Lussemburgo, Haiti, il Libano il francese è solo lingua ufficiale mentre in altri ancora come Algeria, Marocco e Tunisia è seconda lingua ricorrente. La lingua francese parlata nei paesi francofoni non è la stessa parlata in Francia e ci sono delle particolarità abbastanza evidenti a dimostrarlo. Non posso promettervi di elencarle tutte ma qualche esempio sarà utile per capire le principali differenza tra le diverse versioni della lingua francese.

Francese canadese

Nel francese canadese, lingua co-ufficiale accanto all’inglese a livello federale, le vocali chiuse vengono pronunciate in modo più aperto, al posto dei pronomi personali nous, vous, eux sono resi si utilizzano nous autres, vous autres, eux autres ed il “tu” è usato molto più spesso del “vous”. Sul piano lessicale, invece, nel francese canadese sono molto frequenti le espressioni idiomatiche o anglicismi senza apportare modifiche, ad esempio, boss invece di patron o a fan per dire ventilateur. Da alcune parole della lingua inglese poi ne derivano altre in francese come checker da check.

Francese belga

Altre differenze si riscontrano nel francese parlato in Belgio, dove l’accento è leggermente diverso come diversi sono alcuni modi di dire cui bisogna prestare attenzione perché l'”être maquée” belga vuol dire “essere sfinita” laddove nel francese classico “protetta”, ovvero sotto il controllo di un protettore. Tra le più importanti differenze lessicali tra Belgio e Francia troviamo rispettivamente avant-midi e matinée per mattinata, carte-vue e carte postale per cartolina, escalier e marche per gradino, déjeuner e petit déjeuner per colazione solo per citarne alcune.

Francese svizzero

Anche in Svizzera troviamo un’altra varietà del francese ufficiale, parlata nella cosiddetta Suisse romande (regioni occidentali) e in 4 cantoni: Ginevra, Vaud, Neuchâtel, Giura, completamente francofoni. Come il francese cannadese ed il francese belga anche il francese svizzero presenta alcune particolarità ed espressioni tipiche: la salle à manger diventa chambre à manger, soixante-dix –> septante, lycée –> gymnase, ici –> en ça,  pas du tout –> rien, légumes –> jardinage e molti altri.

Hai un francese preferito, conosci altre particolarità anche di altri paesi francofoni, vuoi saperne di più sulla Francofonia o hai bisogno di una consulenza linguistica in francese? Fais-moi savoir! Puoi scrivermi al seguente indirizzo e-mail:

info@mariannanorillo.it

In alternativa, puoi contattarmi su Skype o attraverso la mia pagina Facebook. Sarò lieta di rispondere a tutte le tue domande e di fornirti i chiarimenti di cui hai bisogno.

Clicca sul simbolo sottostante per aggiungermi ai tuoi contatti Skype!

Aggiungimi a Skype

One Reply to “Particolarità del francese parlato in Canada, Belgio e Svizzera”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *