Rubriche

Il graphic design deve arrivare dritto al cuore

Il graphic design è ovunque ormai, spopola dalle riviste ai volantini pubblicitari dei supermercati. Le informazioni da comunicare passano attraverso la grafica, le immagini, che sempre più spesso assolvono alla loro funzione di presentazione delle informazioni al posto del testo.

Eppure la discrezione con si comunica ogni messaggio è, anzi, dovrebbe essere, la sua caratteristica principale. I migliori esempi di graphic design, paradossalmente, passano inosservati quando hanno da “riferire” un’informazione legata a segnaletica, didattica, manuali, elenchi del telefono, etc.

E le emozioni? Sono si comunicano le emozioni? In questo caso il graphic design deve dare qualcosa di più e non in termini tecnici ma in termini emozionali: deve andare dritto al cuore. Immaginate le difficoltà della grafica moderna nel tentare l’impresa.

Di fronte ad un pubblico che vuole emozionarsi spesso non si riesce ad andare oltre una impostazione gelida e razionale. Risulta chiaro allora che i diplomi, le lauree e le specializzazioni servono fino ad un certo punto.

Anche in questo campo ed in questo tempo, c’è bisogno di tornare all’artigianato, l’artigianato delle immagini anche in questo tempo. Pur avendo una tecnologia più avanzata rispetto al passato a nostro vantaggio, il compito del graphic design è quello di comunicare in modo semplice ma efficace.

E l’efficacia sta nel restare “umani”, nel riuscire ad andare oltre gli schemi e nell’usare le immagini in un modo nuovo, allontanandoci dai soliti luoghi comuni e le solite scelte scontate per andare, ancora una volta sul sicuro. La grafica delle emozioni è un’altra cosa e solo emozionandoci possiamo emozionare.

Potrebbe piacerti...

1 commento

  1. […] disegno grafico, o meglio conosciuto con il termine inglese Graphic Design, serve soprattutto per creare immagini facilmente riconoscibili destinate ad identificare le […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *