Rubriche

Giochi di scrittura per imparare a scrivere

Chi dice che i giochi non sono fatti per gli adulti? Certo, nel bel mezzo di una riunione in ufficio o mentre si sta guidando non sono affatto consigliati, ma quando si scrive, si è da soli e si vogliono liberare le nostre emozioni in maniera originale e costruttiva, chi ce lo vieta? Proprio nessuno. Ed ecco per voi semplici giochi di scrittura per imparare a scrivere meglio e a gestire il proprio vocabolario linguistico. (Un breve ripasso sulle tecniche di scrittura qui).

Partiamo dai più semplici, giusto per prendere dimistichezza:

  • L’Anagramma. Non ditemi che non ne avete sentito parlare? Uhm, allora facciamo un veloce ripasso. Prendete una parola, una qualsiasi, la prima che vi viene in mente e cambiatene l’ordine, per ottenere altre parole. Per esempio, una a caso… ‘SOLE’, quello che tarda ad arrivare quest’anno! Ecco, cambiate l’ordine delle sue lettere e vedete un po’ cosa viene fuori. Troppo semplice? Eccovene un’altra: ‘SOLLETICARE’. Con questa, potete anche sbizzarrirvi!
  • La Zeppa. No, non è quella delle scarpe! Questo gioco consiste nell’aggiungere una lettera ad una parola per formarne una nuova. Molto semplice, prendete la parola ‘libro’ e tra la ‘b’ e la ‘r’ aggiungete ‘e’, cosa vi vien fuori? ‘Libero’! Via, adesso siete “liberi” di trovarne altre.
  • Lo Scarto. Il contrario di Zeppa. Togliete una lettera, ma formando sempre una parola nuova. Tipo ‘bacio’, se si elimina la ‘i’, diventa ‘baco’, sì, il baco da seta. Ecco, in due secondi vi abbiamo regalato un bacio e un foulard di seta. Cosa volete di più?

Adesso ne arriva qualcuno un po’ più complesso, ma non impossibile. Forse la complessità sta più nella pronuncia che nel suo reale significato. In ogni caso, “Impossible is nothing”, ricordatelo!

  • L’Acrostico, che non è  qualcosa che ha a che fare con il pane tostato. Proprio no! Bene, scegliete una parola, incolonnate le lettere in stampatello e, per ogni lettera, scrivete una parola nuova che abbia alla fine un legame con quella iniziale.In ogni caso, i nuovi termini possono essere anche indipendenti. Esempio:
    S
    C
    U
    O
    L
    A

 Adesso pensateci voi. Non posso mica farvi copiare da me, giusto?

Ma non finisce qui. Infatti, esistono tanti altri giochi linguistici, più o meno complessi, che potrebbero aiutarvi a scrivere meglio e perché no, anche a creare divertendovi. Intanto, fate tesoro di questi e… Alla prossima lezione!

(Per approfondimenti o ripassi, date un’occhiata all’articolo dedicato al blocco da pagina bianca qui).

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *