Le 10 regole di scrittura semiserie di Roddy Doyle

Roddy Doyle è uno scrittore irlandese nato a Dublino nel 1958. Per quattordici anni ha lavorato come insegnante di inglese e geografia alla Greendale Community School, in Kilbarrack, al nord di Dublino e dal 1993 ha iniziato a dedicarsi alla scrittura a tempo pieno. Recentemente nel 2009, ha attivato un progetto molto interessante presso un centro di scrittura, da lui istituito, chiamato “Fighting Words”.

Questa scuola finanziata da privati ed associazioni offre una vasta gamma di corsi di scrittura gratuiti il cui scopo è quello di ispirare e coltivare talenti creativi tra i bambini svantaggiati attraverso laboratori pratici e regole di scrittura dirette, intuitive e leggere. In questo articolo vi riporto 10 regole di scrittura semiserie che formano un decalogo divertente ma anche ricco di consigli utili.

1. Non sistemare una fotografia del tuo autore preferito sulla scrivania, soprattutto se è un autore famoso per essersi suicidato.

2. Sii gentile verso te stesso. Riempi le pagine il più velocemente possibile, usa l’interlinea doppia o aumenta la spaziatura. Considera ogni nuova pagina come un piccolo trionfo…

3. … sino ad arrivare a pagina 50. Quindi calmati, e comincia a preoccuparti per la qualità. Sentirai ansietà; fa parte del lavoro.

4. Dai al tuo lavoro un nome appena possibile. fallo tuo, cerca di vederlo. Dickens sapeva che “Casa desolata” avrebbe avuto quel titolo prima ancora di scriverlo. Il resto verrà più facilmente.

5. Restringi la tua attività su Internet a pochi siti al giorno. Non avvicinarti nemmeno ai siti di libri online, a meno che non sia ricerca per il libro.

6. Abbi un thesaurus, ma tienilo ben nascosto e ben lontano, in fondo al giardino o dietro il frigo. Usa le parole che vengono spontanee alla tua mente: cavallo, corse, disse.

7. Ogni tanto, cedi alla tentazione. Lava il pavimento della cucina, stendi. fa parte della ricerca.

8. Cambia idea. Le buone idee molto spesso sono uccise dalle idee migliori. Stavo lavorando ad una band chiamata “The partitions”; poi, a un certo punto ho deciso di chiamarla “The Commitments”.

9. Non cercare su Amazon il libro che non hai ancora scritto.

10. Passa qualche minuto al giorno lavorando alla biografia sulla copertina (“Trascorre il tempo tra Kabul e la Terra del Fuoco”). Poi torna subito al lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *